martedì 1 giugno 2010

POESIA

Questa donna
mi parla
con caldo linguaggio
fra i suoi sentimenti e i miei
Non c'é frusta
nelle sue parole
né smorfie ringhiose
non ha bisogno
di vedere il coloro del mio sangue
per conoscermi
Questa donna
scorgendo un'apertura
nel mio steccato
ci passa attraverso
di proposito, ed io,
la lascio sostare
nel mio campo,
illesa

C Anatopolasky 1937

2 commenti:

Tereza ha detto...

L'immagine più bella è quello steccato: il passarci attraverso e il rimanere illesi, metafora di un passaggio di confini "concordato" tra le parti.
Come dire uno steccato che rinnega la sua stessa natura.

Susanna Bonaventura ha detto...

...a me inquieta la parte in cui dice "...e io la lascio sostare nel mio campo, illesa...".
E' come se dicesse "fai pure quel che vuoi, non mi tocca".
Non credo mi piaccia.