sabato 16 agosto 2014

6 Stati in 7 giorni

AVVERTENZA    questo post é una sintesi di alcune centinaia di foto scattate  in sette giorni.
Siamo partiti  con la meta di Brugge in Belgio passando per la Svizzera, poi ci siamo detti ...visto che passiamo vicino a Strasburgo fermiamoci qualche ora.
Una volta a Brugge, con sosta a Gand l'idea é .....andiamo anche a Delft in Olanda, zona di ceramiche.
Una volta là  si é materializzata la voglia di andare a rivedere Edam e Volendam, sempre in Olanda ma un pò più a est
Rientro ??? meglio dalla Germania, così si rivede Rothenburg e qualche chilometro più a sud come non fare una sosta al castello di Ludvig???
3000 km in sette giorni, in fondo l'Europa é corta.

SE NON VI AGGRADA GUARDARE FOTO.....un caro saluto e arrivederci al prossimo post, se invece vi piacciono...buona visione e grazie per la pazienza

Lucerna in Svizzera

Strasburgo




Poi, in chiesa, ho chiesto a Paolo come regolarmi con le faine visto che ne incontro diverse di questi tempi, e lui, bonariamente mi ha detto "parla con loro, usa il sapere dei  libri, ma se fanno le furbe...c'é anche la spada!!"


Gand, in Belgio


con una grande opera d'arte "L'Agnello mistico" dei fratelli Van Eyck del '400


ancora Gand

Brugge o Bruges in Belgio, detta la Venezia del nord per i tanti canali che la percorrono


nei canali si vede anche questo

poi....tanta cioccolata e tanta creatività


Olanda...Delft
 città di ceramiche sbisciolanti, fiori e canali, dove le persone abitano in case a un piano, spesso con la barchetta ancorata al limitare del giardino e dove non si vedono inferriate alle finestre


Edam, graziosa come tante cittadine dell'Olanda e patria dell'omonimo formaggio





Volendam, coloratissima cittadina sul mare


e quì per approfondire la cultura locale si deve andare per aringhe affumicate

Poi...giù per la Germania, iniziando con la imponente Wurzburg


e si inizia la Romantische Strasse che sarebbe da fare sbisciolando
e le municipalità alemanne forniscono aiuole di gladioli a self service



Si arriva così a Rothenburg, incantevole città che non si riesce a rendere salvo pubblicare molte foto


Proseguendo verso i castelli della Baviera si passa per cittadine,  come Donauworth

 Eccoci alla  "Pietra del nuovo cigno" ovvero il castello di Ludvig


Ormai verso casa attraverso le valli dell'Austria


Quasi al confine, per un momento ho pensato di scomparire perdendomi nella nebbia.......


poi ha prevalso il senso del dovere ma non sono certo di aver fatto la cosa giusta

GRAZIE A CHI HA AVUTO LA PAZIENZA DI ARRIVARE IN FONDO

16 commenti:

Silver Silvan ha detto...

Quelle germaniche le ho viste tutte! Bellissime!

L'ho fregata, Amburgo/Ancona in 14 ore, 1.600 km e rotti! Però mi sono addormentata con la ventola del motore che mi ronzava nelle orecchie ...

silvia de angelis ha detto...

Stupende immagini che ho apprezzato moltissimo per la bellezza dei luoghi e gli sfavillanti colori.
Buona domenica e un saluto,silvia

Anonimo ha detto...

chi ha fatto le foto?

Vitamina ha detto...

Bellissime immagini! Complimenti! Aggiungo una cosa accaduta in questi giorni: Sono solo!dice il filippino che lavora con me. Perché, dove sono i tuoi? In Austria, tornano domani. Una corriera di filippini è partita da Arezzo per Innsbruck, 40 euro a persona, sono arrivati alle 8 dopo un viaggio notturno e sono ripartiti alle 17 dello stesso giorno. Con l'elastico. Chiedo cosa sono andati a fare, non vedono niente dell'AUstria. Importante poter dire di esserci stati, ha detto il filippino!

viola ha detto...

Ciao, ho praticamente fatto il viaggio con voi, grazie al tuo bel post, corredato di foto.
E bravo Soffio....Ma, e la Turchia, il campeggio, e questo tour europeo.....Sei diventato molto sbisciolante e godereccio!!

Cettina G. ha detto...

Un Bel post.....grazie alle foto ,ho fatto un bellissimo viaggio. Ciao

Soffio ha detto...

Caro Anonimo ma chi vuoi mai le abbia fatte le foto??? I viaggiatori !!

Renata_ontanoverde ha detto...

Un bellissimo viaggio, una buona vacanza sbisciolando per l'Europa! bello leggerti anche in un semplice reportage, le foto sono magnifiche! torna ancora con i tuoi post: ci manchi!!! buona settimana!

chicchina ha detto...

Ho approfittato delle foto,magnifiche,per fare un viaggetto anch'io,più comodo,meno avventuroso,ma sempre bello.Ciao.

Mondod'Arte di S.Pia ha detto...

Tra i viaggi dei miei sogni c'è proprio uno identico a ciò che hai fatto tu.
Mi piacerebbe sapere di più ed approfittare di alcuni tuoi suggerimenti che gradirei moltissimo. Tipo: dove si dorme meglio, dove si gustano piatti tipici buoni, ecc.
Il Belgio, l'Olanda e la Germania, splendidi posti da immortalare come hai fatto, con foto meravigliose.
La più bella per me? Il castello di Ludwig in Baviera.
Splendido viaggio, grazie per avercene fatto partecipi.
Ciaoooo...

silvia ha detto...

posti bellissimi, visti tutti perchè mio marito ama il nord europa

leggerevolare ha detto...

L'Olanda sembra un Paese fuori dal mondo...direttamente dalle fiabe e invece è vero e ci sono persone che vivono così... troppo bello e incocepibile per noi italiani

Piesse ha detto...

IL POETA SULLE 23
Lei sbisciola, sbisciola Oltralpe, caro Mister Soffio. Non le bastano più le lisce e tiepide acque delle marine romagnole. Macchè, Lei s’ invola verso le ghiacce e turbolente coste del Mar del Nord, battute dai marosi dell’ Atlantico, contenuti dalle possenti dighe olandesi.
Manco a farlo apposta, ho fatto pressochè lo stesso tour, negli anni Ottanta, in veste di accompagnatore per una comitiva di turisti maremmani, per conto di una omonima agenzia di viaggi della maremma, appunto. Ricordo che attesi il pullman gran turismo al casello autostradale di Firenze Nord, in pieno agosto, con l’impianto di condizionamento che faceva acqua. L’autista, un maremmano, dall’ aspetto di un capo indiano della tribù degli Apaches, che aveva lavorato negli USA, e parlava un ottimo inglese. Fu un viaggio d’avventura. Oltre confine il nostro pullman che riportavo il logo, che prima le accennavo, veniva scambiato per MAMMA TOURS, invece che Maremma T.
Per farla breve, questi i punti salienti dell’ avventura: a Strasburgo, causa cambio del ristorante per sopraggiunti motivi last minute, persi due partecipanti, che si erano allontati da soli dopo il pranzo, con intervento della polizia locale.
Arrivati a Bruxelles, un’ anziana signora del nostro gruppo, accompagnata dalla sua figlia – un tipetto faina -, mi cade lungo la rampa delle scale dell’ Hilton hotel, in quanto per la sua claustrofobia, non prendeva l’ ascensore.
A Volendam, una famiglia, che si era abbuffata del ‘ cacio ‘ di quella bella zona, ebbe grossi problemi gastrici.
Chiudo qui. Le confesso, che si concluse in quel modo, la mia carriera di accompagnatore.

paola tassinari ha detto...

Sono verde d'invidia

Federica ha detto...

ma che bel giro che hai fatto!

quando son stata in olanda avrei tanto voluto fare un giro in quel paese...
Ora che vivo in un posto dove la cultura del formaggio non esiste... quanto mi manca!

alessandra ha detto...

Complimenti per le bellissime foto che mi hanno permesso di compiere a mia volta un bel viaggio .