lunedì 20 agosto 2012

DANNATI INGLESI precisi, ironici, gentili, persino puliti

Come vi é noto sono stato a Londra ove non andavo da anni,ma non aspettatevi le solite foto, quelle le conoscete giò.
E i dannati inglesi???
Precisi, arrivi alla metropolitana o ai bus e quelli sono puntuali.
Noi italiani abituati al circa facciamo fatica a credere che quello che si legge sul tabellone é vero.
Gli autobus e i metrò sono tutti uguali, arrivano a minuti l'uno dall'altro e sono precisi, se sul tabellone c'é scritto che il tuo arriva alle 15,03, é inutile prendere quello delle 15,02, anzi sbagliato, devi fidarti che il tuo arriva agli 03, non siamo in Italia.
Mi fanno impazzire i negozi speciali, quello ad esempio delle caramelline di cioccolato M e M's.
Da noi trovi i pacchetti dal tabaccaio, a Londra un palazzo di 4 piani tutto pieno di ogni idea la più stravagante sulle caramelline.
Da divertirsi come dei bimbi.
I dannati inglesi non esibiscono scritte sui muri, forse in periferia, ma in larga parte della città tutto pulito, perfino le panchine, che si permettono di avere braccioli con varie fogge.
Sono pure gentili, ti aiutano, chiedono se hai bisogno, ma sempre in inglese e tu non capisci nulla se non lo sai davvero bene.
Però la guerra l'hanno vinta loro e quindi.....
In metro per ben tre volte qualcuno si é alzato per farci sedere....o si vede che siamo più vecchi di quanto crediamo oppure ancora si usa da quelle parti.
Poi hanno delle idee, tipo far costruire la "scheggia" grandissimo grattacielo modernissimo nella zona del ponte di Londra.
Vecchio e nuovo si fondono molto bene, da noi credo sarebbe impensabile quasi ovunque.
Sono perfino puliti gli inglesi, faticosamente si trova un cestino per il pattume e difficilmente si trova pattume abbandonato.
Sono ironici i dannati inglesi, ma poi con i castelli tipo Windsor e le guardie a cavallo ti fanno capire che sono ancora un pò imperiali, altre che regno d'Albania come si diceva noi un tempo.
Sono anche free gli inglesi....come vorrei avere delle scarpe come quelle che ho visto, da portare con disinvoltura.
Nei grandi magazzini da noi si vende salame, là anche opere d'arte.
E persino nelle antichità che hanno portato dal lontanissimo oriente e dalle ancor più lontane civiltà sono ironici
























24 commenti:

adriana ha detto...

è vero quegli inglesi sono proprio così...non è ironia.

lucietta1 ha detto...

Bentornato Soffio! Dal tuo post mi sembra di capire che sei stato bene nel mondo british! Io ho un marito inglese quindi sono di casa da quelle parti e concordo su tutto ciò che hai detto! Un abbraccio anche a Civetta Canterina!

Dona Flor ha detto...

Ciao Soffio, bentornato! Non sono mai stata a Londra, devo rimediare :)

Loredana ha detto...

Mi fa piacere leggere che è stata una bella vacanza e una nuova conferma di quello che spesso consideriamo un luogo comune...fossero sempre così i luoghi comuni!!

bentornato

loredana

Anonimo ha detto...

Ottima descrizione,non poteva essere altrimenti se esce dalla penna..ops.. tastiera del signor Soffio!
I braccioli per le panchine li hanno adottati anche in una città del quasi nord Italia,ma solo per non farci dormire i nostri cosi detti barboni,noi abbiamo il cuore tenero,siamo ITALIANI!
dalla Sardegna con un pò di ironia...
un caro saluto
Etta

kermitilrospo ha detto...

belle quelle scarpe!!!

Adriana Riccomagno ha detto...

Amo Londra e i londinesi! Non vedo l'ora di tornare oltremanica...
P.S. quelle scarpe sono bellissime!

antonypoe ha detto...

comunque non mi fido :) ciao

Lorenzo ha detto...

Direi che non è tanto l'essere "British", quanto il non essere Italiani. La prossima volta ti conviene andare in gita dalle parti di Gaza dove probabilmente ti puoi sentire "British".

Coloratissimo ha detto...

Sono nato a Trieste, figlio di un inglese e di madre austriaca, due genitori di stirpe ordinata,puntuale e metodica ma assolutamente privi di fantasia.
Come amo il disordine italiano,treni in ritardo compresi, il più bel popolo del mondo.
Ciao,fulvio

Renata_ontanoverde ha detto...

Finalmente sei tornato!!!!
Mi mancavano i tuoi post ironici, ma significativi!
Bella questa descrizione del tuo viaggio, ci hai portato in giro per Londra in poche righe!
concordo che quelle scarpe sembrano comodissime!
Buona settimana!

Federica ha detto...

una mia amica che ama molto gli inglesi (io non sono mai stata oltre manica) però mi ha fatto vedere un programma sull'idea di pulizia di casa degli inglesi... che mi ha fatto riflettere :)

teoderica ha detto...

...caro Soffio anche tu hai l'aria un po' inglese.
Ciao.

stella dell 'est ha detto...

Bentornato dott.Soffio,grazie della visita.In Inghilterra sarà stato + fresco she da noi!!!A presto!OLGA

Joe Black ha detto...

Ehi, Doctor, nella foto con la guardia inglese sembri un orsacchiotto a cui hanno tolto tutto il pelo per farne il colbacco al soldato........... Accidenti, però, anche tu armato fino ai denti come un perfetto turista o perfetto inglese?

alessandra ha detto...

In Inghilterra spero di tornarci presto, mia figlia pensa addirittura di andarci prima a studiare e poi a vivere, c'è tutta un'altra cultura e mentalità,ma ci si sente bene, a proprio agio.
Negli Hotel c'è l'omino vestito in nero, quello che si vede al cinema, con guanti bianchi che ti apre la porta. In locali sofisticatissimi si trovano gli operai che finito il lavoro vanno a bersi un birra prima di tornare a casa con tanto di scarponi e camicia a quadri aperta sul petto,oppure per strada uomini in completo gessato con tanto di panino e bicchiere in mano, si mescolano ogni categoria di persone e di ceti sociali senza che nessuno ci faccia caso,se si alza la voce non si girano nemmeno, sono controllati e si fanno gli affaracci loro.

l'alternativa ha detto...

Bello questo post, hai colto nel segno!!!!!!!! Ciao
Emi

Melinda ha detto...

Avrei qualche dubbio circa la pulizia, per lo più personale, ma per il resto mi trovo e condivido.
E ho una voglia matta di tornare a Londra, mi ci sono trovata bene, ma ero ancora piccola per godermela come si deve!

blandina (aracne) ha detto...

Sei bellissimo in quella foto, Soffio, così umano, naturale, italiano.

Blumoon ha detto...

Caspita sembra un'altra realtà... mi piacerebbe visitare Londra e le zone limitrofe...chissà che un giorno ne abbia la possibilità...
Un caro saluto

Elio ha detto...

Ciao Soffio, noto che una parte del tuo soggiorno si è svolta verso la fine dei giochi olimpici. Hai avuto modo di seguire qualche gara?
Mia moglie continua ad insistere che dovremmo andare a Londra perché lei c'è già stata prima di conoscermi e ne è rimasta entusiata. Per nostra fortuna se la cava bene con l'inglese, mentre io sono piuttosto per il tedesco. Molto belle le foto ed interessante il tuo commento. Buon weeck-end.

Sandra M. ha detto...

Bentornato Soffio...bel Paese...io, si sa, ci vivrei. Magari un po' più a nord...

silvia ha detto...

la scheggia sarebbe il grattacielo a forma di cetriolo?

Mirta - Luce nel cuore ha detto...

… ⋱ ⋮ ⋰
…….⋯ ◯ ⋯
..…(\_/) ƁƲƠƝ
…..( . .)
_c(”)(”)̡___
|’*✿♥✿*’| ƓƖƠƦƝƠ
\*✿♥✿*/¯))
’乀____乄¯