giovedì 10 novembre 2011

B, il B e la nutella

Ragazzi, questa mattina va così.
Diventando vecchi si dorme meno, e si torna bambini, per questo ho visto con favore le 5 di mattina.
Ma.....mi sono detto non puoi alzarti a quest'ora, é roba da ansioso nevrotico, in fondo sei andato a letto più tardi del solito, hai dormito meno del solito, domani hai una giornata lunga e abbastanza pesa ......
Sono rimasto a letto, buono buono, ma nella mente si é affacciato un pensiero orrendo.
Almeno fosse stato un sogno, avrei avuto la scusa di interpretarlo, di dirmi che non si tratta di personaggi veri, ma di attori che interpretano un significato ecc, tutte le cose che uso nel mio mestiere.
No, era proprio un pensiero, lucido e terrificante.....B (sì proprio lui, quello del quale si diceva "fa andare bene le sue aziende fa andare bena anche l'Italia").
Poi il B di questi giorni, il familiare BUND del quale fino a ieri non si sapeva nulla e del quale oggi si parla anche dal salumiere.
Quì crolla tutto, come nelle migliori dittature il popolo si sveglia di colpo, il capo supremo non c'é più, i gerarchi scappano e la cacca sale, anzi é salita ma non abbiamo voluto sentire l'odore.
Con tutte le belle trasmissioni da vedere in TV non si può stare anche a pensare!!

Allora la mia mente ha cercato una via di fuga, ho pensato alla cioccolata.
Si fa presto oggi a dire cioccolata, ce ne sono di mille tipi, ma la cioccolata archetipica, quella dell'imprinting é fatta di lattine larghe e rotonde che si trovavano dai salumieri, non so se fosse già Nutella, il mio sguardo era catalizzato dalla massa scura e non dal nome sulla latta.
Latta o Letta ??? decisamente Latta.
Quando alle 5 di pomeriggio si andava, ma non sempre, a prendere la merenda consistente in mezzo panino al latte cosparso appunto di cioccolata, i dannati, quelle arpie dei salumieri, passavano un velo di nutella, e la spalmavano accuratamente....maledette arpie!!.
Poi venne la cioccolata alla nocciola, di colore appunto nocciola, in quadretti, dura, da tagliare, e si imparentò con la cioccolata onestamente marron.
Si tagliavano a fgette, dolcissima, esagerata.
Però spesso era surrogato.
I giovani sanno cos'é il surrogato ??? loro che sono nati nella civiltà del consumo ???
Il surrogato di cioccolata sta alla cioccolata come B sta a un Presidente del Consiglio serio. chiaro??
Infine, per non tediarvi, vi ricordo le MORETTE, caramelle al sapore di..amaretto/nocciola?? non l'ho mai capito, ricoperte di cioccolato, di forma ovale.
Roba da ricchi, infatti l'immagine sulla cartina era molto coloniale.
Vi era riprodotto il volto di un giovane nero sorridente con il fez rosso in testa, tipo faccetta nera per intenderci.
Roba coloniale, che oggi non sarebbe ammessa dalla nostra correttezza anticolonialista.
Per la cronaca oggi si chiamano Mokita ed é sparita la faccia del negretto felice di essere stato colonizzato, presumibilmente da noi.

L'impero é finito.....datemi un pò di nutella !!!

Beh, adesso mi vesto, vado al bar Giulia, cazzeggio venti minuti con i miei amici, poi faccio la faccia seria, quella da dottore e vado in studio

14 commenti:

Alessandra1966 ha detto...

Guarda che a Torino le morette si trovano sempre, la faccia sull'incarto però è di una donnina nera con il turbante rosso.
Sono fatte di nocciola pralinata e ricoperte di cioccolato fondente, l'amarognolo che la caratterizza è dovuto alla caramellizzazione dello zucchero

teoderica ha detto...

Io non trovo Mister B peggio di un altro , tutto è relativo ai tempi e noi avevamo un Presidente in linea e forse migliore degli altri stati.
Chi veramente dirige gli Stati è l' economia e la finanza, il governo può solo cercare di mediare con poca forza, basti guardare un poco gli Usa, di cui noi prendiamo gli spunti con qualche anno in ritardo...non dimentichiamo che siamo un Paese vinto e non mi risulta che il Trattato sia stato rimosso.
Poi io non vedo nessuno,nè partito, nè uomo che abbia i cosidetti per governare, unico uomo carismatico è Mister B.
Detto ciò, che è solo una mia opinione, ti dico che dopo aver mangiato tonnellate di Nutella,ora forse meno depressa, mangio fondente nero, nero come il carbon o come i miei capelli neri...non c' entra niente ma te lo dico, i miei capelli mi piacciono molto.
Ciao.

Sandra M. ha detto...

Mmmmm... e quella in panetti rettangolari, "bianca-e-marrone"??..parliamone!!
L'impero è finito. E' finito? Vediamo quanto ci si mette a trasformare la cacca in nutella....

Joe Black ha detto...

"Il surrogato di cioccolata sta alla cioccolata come B sta a un Presidente del Consiglio serio. chiaro??"
Non solo questa tua frase, Doctor, ma tutto il tuo post, scritto veramente con l'eccellenza di riflessioni profonde m'ha colpita.
Ma i giovani, Doctor, lo sanno, sanno bene distinguer un surrogato da un buon cioccolato. Non bisogna far di tutta un'erba un fascio (odio scrivere sta parola) e sono proprio loro, pronti, unitamente ai loro padri ancor giovani e a coloro che definirei ormai "diversamente giovani" a scender in piazza e a lottare perchè in quel panino, nell'ora della merenda, ritornino veri salumieri a spalmarlo con un ricco strato di buon cioccolato!
Complimenti per il post.....
La tua faccia Doctor, credo che tu sia molto umanamente professionale e sia sempre la stessa!
La deontologia non cambia i connotati facciali quando si è prima uomini e poi medici!
Per questo mi fai simpatia, perchè sei vero, perchè sei sempre te!
Ed ora ti spiaccico anche uno dei miei appiccicosissimi baci tinti d'un rosso indelebile!
Elisena
P.S.:La Sig.ra Bionda, tua moglie, non sarà gelosa!

Ambra ha detto...

Mi hai veramente esilarato. Ma com'è che di tutte queste variabili di cioccolato, dal passato al presente, che tu conosci, io non le ho mai conosciute? Quanto a età sicuramente sono quasi tua madre (OPS, ho scritto tuo padre poi ho cancellato - materia per la tua mente addottorata).
Forse i miei da piccola mi hanno nascosto questo aspetto della vita. Io conosco solo la Nutella perché la comperavo (al supermercato non dal salumiere) per i miei figli, ma allora ero giovane e per via della linea me la sono sempre (o quasi sempre) negata.
Per essere seri, gustiamoci un po' di cioccolato per riprenderci dalle nefandezze italiane.

Chiara ha detto...

Oddio con questo post mi hai fatto venire una super voglia di affondare un cucchiaio grande quanto i mestoli da minestra dentro un vaso di Nutella da 750 grammi.
Menomale che in casa non ne ho.

Demetra ha detto...

ciao Soffio , bellissimo Post !. Alcune volte , mi fermo a pensare ai mali ( e credimi per quanto all'estero la svizzera trasmetta l'idea del paradiso sono molti . Basti pensare che è la nazione con il maggior numero di suicidi -specialmente negli adolescenti - e di drogati d'europa ) , la testa mi gira la paura di finire nel ingranaggio che porta alla rovina pure . Allora mi concentro su un paio di stivali , belli nuovi da aggiungere alla mia collezione.
Niente cioccolata o assimili o a quest'ora rotolerei , lo so è sciocco ma mi solleva il morale e il buon umore .

@enio ha detto...

io pur non essendo più giovanissimo, 64 anni, dormo benissimo e raramente mi sveglio alle 5 del mattino !

Luigi ha detto...

come si suol dire: la mattina ha l'oro (nero nel tuo caso) in bocca!!!
Buon fine settimana

Adriano Maini ha detto...

Mi sembrano anche meno buone, le nuove Morette! Sarò razzista, per caso? :))

Astronauta. ha detto...

Io penso ai lupini ed ai bocchini.
(non sono volgare, non mi permetterei)
Un abbraccio Mr Soffio.

Waterwitch (Marina Lucchese) ha detto...

Le morette esistono ancora, con la stessa faccetta di colore sorridente, solo che sono pochi i posti in cui le trovi.

Antonio ha detto...

Oggi è gran giorno, un giorno che comincia la ricostruzione, con pazienza e senza troppe illusioni. Buongiorno Italia.

Melinda ha detto...

Quanto c'è da imparare da questi post! :)