sabato 14 maggio 2011

LA NOTTE BIANCA

Questa sera a Modena la notte bianca !!! Eventi ovunque, canti, balli, negozi aperti, mille miglia e auto d'epoca, spettacoli di ogni tipo, non potevo mancare.
Nonostante la veneranda età, almeno una volta voglio tuffarmi in questa bolgia ridente e divertente.
Magari incontro gente nuova, faccio conoscenze strane, posso pure bere un goccetto in più che mette allegria e soprattutto....andare a letto alla mattina alle 5 o forse alle 6.
A forza di sentirlo raccontare da altri, stanotte tocca a me!!! Domani é domenica e voglio fare come quei ragazzi che stanno a letto fino a mezzogiorno.
Ed eccomi pronto, però...c'è il piccolo da tenere... i genitori sono ad un matrimonio e quindi il piccolo tocca a noi.
E' comunque un piacere, e poi questa sera voleva vedere come fanno gli uomini a farsi la barba con il pennello . E volete che un nonno non si presti ??.
Pennello, sapone e rasoio bic. Pennello a lui che si é divertito moltissimo a pennellarmi la faccia come un imbianchino.
Ma si sa, i nonni farebbero qualunque cosa per un nipote.
Arrivano così le 21,30, fa nulla, la notte é appena agli inizi, lui va a letto e io via in auto verso il centro.
O meglio, credevo di andare in auto verso il centro, poi vedo che a chilometri di distanza fiumi di persone a piedi camminano verso la città, un esodo biblico.
In soli 30 minuti percorro un paio di chilometri attorno alle strade che costeggiano il centro.
Molto bene, e quì scattano più sbadigli della moglie che farisaicamente dice " cerca di parcheggiare che andiamo in centro".
Tipico esempio di coerenza tra il dichiarato e l'agito.
" E se passassimo un attimo da casa??" dice quella brava donna.
Certo che passiamo da casa, così lasciamo tutta la roba che ci ingombra e poi via !!!.
Via ??? si mette in pigiama lei !! e io ?? " tu vai pure" dice la voce dell'innocenza.
Una ridda di sentimenti si alternano in me.
Divorzio domani ?? vado in centro con senso secolare di colpa?? Me ne frego ?? Già se fossi capace ...
Quasi quasi vado a scrivere sul blog, in fondo almeno mezz'ora di notte bianca, in giro in auto l'ho fatta, e domani avrò da raccontare della folla che ingombrava tutto.
Ma sì, domattina sono bello sveglio e vado al bar Giulia e chissenefrega.

11 commenti:

viola ha detto...

E così notte bianca solo a metà! Ma vuoi mettere come sarai fresco e riposato domattina? E alzandoti ad un'ora decente avrai tutta una domenica davanti, mica solo il pomeriggio! Un abbraccio

Lara ha detto...

E fortuna che blogspot funzionava :)))
Ciao Soffio, buona domenica!
Lara

Aviatrice ha detto...

Tipico, classico esempio tra quel dire e...quel fare. Fa... sorridere perchè è un 'raccontarsi' molto simile a tanti.

angeloblu ha detto...

Per ringraziarti della tua visita, sarà un piacere seguirti... tornerò presto a leggere i tuoi scritti...

serena domenica...

tiziana ha detto...

Dopo una pausa di ...ore di latitanza da Blogger, meglio recuperare, poi il bar Giulia in fondo è una sicurezza, è sempre lì che ti aspetta, no?

teoderica ha detto...

A Ravenna fanno la notte d'oro in ottobre, io vado agli eventi preserali,quelli delle 18 per intenderci, anno scorso sono andata al Museo Nazionale, visita guidata sui gioielli bizantini, poi alla fine laboratorio artigianale per costruirsi un gioiello di ambra , era solo per bambini ma io ho avuto il permesso per poter partecipare e...mi sono divertita un mondo...tu Soffio hai fatto tutto, il nonno, la fila in auto , il bravo marito,il post sul blog per noi...che vuoi di più dalla vita?
Un saluto da me?
Ciao.

Adriano Maini ha detto...

Ma dai, che una notte bianca cosi' e' piu' unica che rara!

Ale ha detto...

Ciao, grazie del tuo commento, ma non sono parole mie (magari). Sono contenta di fare la tua conoscenza e appena possibile leggerò qualche cosa sul tuo blog. A presto.
Ale

occhio sulle espressioni ha detto...

La tua notte bianca è partita già con la schiuma da barba... dello stesso colore. :)

Sandra M. ha detto...

C'era un MARE di gente. Mai vista tanta nemmeno alla fiera di San Geminiano.
Noi abbiamo retto fino alle 11,30...Palazzo Comunale, Chiesa del Voto, San'Agostino, la Pomposa con La Rumorosa e Le Pive ... Poi siamo fuggiti.

Tereza ha detto...

Anch'io ho un'ossessivA condominiale nel mio palazzo: una signora in età, di quelle che non rallentano mai, che mai conoscono momenti di pausa e di quiete. Per lei occuparsi del condominio significa anche occuparsi di un ampio tratto di strada, delle persone che passano, di quelle che entrano, dei negozianti che stanno, di quelli con cui ti fermi a chiacchierare e dei discorsi che fai (orecchia in maniera vistosamente indecente).
Magari, da fuori, uno supporrebbe sia sola...NO!
Ha marito, figlia che abita al piano sotto al suo, con annesso marito e due nipoti grandetti. Eppure è sempre in giro, ad agitarsi e guardarsi intorno come una puzzola in ansia.
Posso dirlo? mi dà sui nervi: meglio un piccione che un impiccione, anche se il primo capita che ti lasci qualche ricordo sgradevole quando passa.