sabato 23 luglio 2011

CON LA TESTA VUOTA

Oggi non ho proprio voglia di pensare a nulla, sono pure a corto di idee.
Mi sa che comincio a essere a corto di varie cose.
Sarà l'estate ?? l'età ?? Talvolta mi sembra che tutto si dilunghi COME NA RAMA ED ZOCA.
Scusate, per gli italiani, per quelli che studiano inglese, metterò la traduzione COME IL RAMO DELLA ZUCCA scusandomi per l'impossibilità di accentare come si dovrebbe, ma la tastiera é fatta per gli italiani di oggi, mica quelli di ieri.
Se non avete mai visto una zucca nel campo e quindi non vi é chiaro non so che fare, aggiornatevi.
Osservo situazioni, gente, qualcuno mi pare INDREE COME LA CAVA DAL NINEIN (indietro come la coda del maiale) e mi piacerebbe spingerlo avanti, ma lotto contro certi imprinting molto forti.
C'é chi non si accorge C'LE' FUREB COM'UN SDAZ (furbo come un setaccio che la lascia andare la farina e tiene la pula)
Certi matrimoni sono così, magari lei non si sente capita, non si sente ascoltata e invariabilmente trova uno che la ascolta e, tanto per ricompensare l'ascolto fa pure qualche frullatina ma...lui in genere AL STA TACHE LA PIOPA (sta attaccato al pioppo, ossia resta poi in casa con la moglie) e deve accorgersi CL'HA PISEE FORA (l'ha fatta fuori).
Comunque quando si scopre, il cellulare é galeotto molto spesso, poi c'é sempre un innocente e un colpevole dimenticando C'AG VOLEN DO NOS PER FER RUMOR IN UN SAC ( ci vogliono due noci per far rumore in un sacco)
Bando ai pensieri, leggiamo il giornale, che fa Silvio ?? Tutto bene dice lui MA AL PER CAL CRAS COME LA SABA A BOIER (cresca come la saba quando bolle - cioé cala).
No, meglio una passeggiata nel parco cittadino, testa in libertà e sguardo che corre tra la gente, magari posso slumare, solo slumare qualche graziosa signorina, quelle che tornate dal mare devono far vedere l'abbronzatura e magari girano in bici con generose gonne corte come se fossero in spiaggia.
Però attenzione, la prima che vedo LA GA DO GAMBI CHI PEREN LA SCALATA D'UN PULER (due gambe che sembrano la scaletta di un pollaio).
Meglio attendere di meglio. Ecco un paio di mammiferi di genere femminile tiratissime, truccatissime, SCALVIDI (scollate) generosamente.
Mia madre si sarebbe chiesta VINDRAN LA CHERNA IN PIAZA? (venderanno la carne in piazza ? ossia prostitute)
Ma mia madre era del 1920, santa donna, oggi altri tempi, altra TV.
Or mi sovviene che non guardo la TV dal 15 aprile, quando causa lavori in casa l'ho staccata. Ora é tornata al suo posto ma non ho voglia di riattaccarla. Sarà grave ??
Parliamo male dei programmi TV ?? COME INVIDER N'OCA A BAVER (come invitare un'oca a bere).
No lasciamo perdere, pioverebbero critiche di snobismo, poi questi discrosi a volte I VAN AVANTI CON L'ORA (vanno vanti come l'ombra, ossia piano)
Che schifezza di pensieri!!
Per fortuna tra pochi giorni vado a fare un bel mese da bracciante agricolo a paga zero, ma alberi di pere, solo bestiale ma comunque meno fastidioso del sole cittadino, tre belle bandane per il sudore, due buone bottiglie d'acqua che quando la bevi nel pomeriggio dopo ore di sole ti sembra di bere dal boiler ma é buonissima, qualche operaio pachistano che lavora e tace.
L'orologio del campanile che ti dice quando smetti di raccogliere e poi la sera, a casa, quando fissi qualcosa la vedi tutta attorniata di foglie, un miraggio.
Infine, in mezzo ai campi il cellulare non prende, a mezzogiorno tocca un piattone di pasta, un bicchiere di vino.
E se sei sporco ti puoi pure asciugare nella camicia che tanto nessuno dice nulla.
Metterò una bella camicia bianca a maniche lunghe, una di quelle che usavo quando facevo nella veste di consulente aziendale di top manager organizaavo un breefing con uno stop and go per esaminare la customer satisfaction.
Stasera di scemate ne ho dette abbastanza, vado in balcone a fumarmi un mezzo toscano.
Se non vi piace l'idea diciamola come il dr. Jung - vado a estrarre l'anima dal tabacco.

14 commenti:

Adriano Maini ha detto...

Che bello il dialetto delle tue parti, così vicino a quello dei miei antenati!

`·. ̧ ̧.· ́ ́ ̄`··.Giusy.·`·. ̧ ̧.· ́ ́ ̄`· ha detto...

Buonasera....ti va un bel bicchiere di mandarinetto fresco?
Lascia perdere le scemate....:)
e godiamoci questa bellissima serata fresca in relax!che ne dici?
Un sorriso...:)

rosso vermiglio ha detto...

Haha! Sei di uno spasso unico!! A me il post è piaciuto tanto, come se avessimo fatto una bella chiaccherata...peccato che non c'ero in quel momento

Dona Flor ha detto...

Vedo che il sabato sera è stato duro per molti, tu l'hai chiuso con un mezzo toscano, io (non fumando)ho preferito andarmene a letto. L'aspetto positivo è che stamattina mi sento divinamente.
Buona domenica!

teoderica ha detto...

...stavolta Soffio hai esagerato coi detti in dialetto e tanto per stare in tema ...il troppo stroppia.
Buona domenica...e pardon ma a me piace la sincerità.

Soffio ha detto...

TTTTEEEOOOOO!!!!! come hai ragione Teo, anima critica e attenta del blog. Una vera alternativa sarebbe stata di venire al tuo bar, ordinare un paio di grappini e guardare nel vuoto, al più scambiando due parole qualsiasi con un avventore di passaggio. Teo Teo !! come farei senza la tua attenta critica che riporta alla realtà, sofferta e vera ??

Rita Baccaro ha detto...

Nella testa tanti ricordi e tradizioni, affetti... insomma qualcosa ancora c'è :-))
Il ritorno alla vita bucolica e al lavoro nei campi è sempre una necessità quando si cerca equilibrio e relax ... anche sudando e stancandosi!!
ciaooooooooooooooooo

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Ricca tradizione in questo tuo post.Ti auguro una felice serata;saluti a presto

angeloblu ha detto...

...come idea non è male...le tue scemate mi hanno fatto sorridere...un pò come una terapia caro dottore! scherzo! non sono scemate, bel post e soprattutto i contenuti, le tradizioni sono importanti, sono l'anima...e guai a perderle...

dolce sera...

Mariolino ha detto...

se sei messo così quando non hai idee in testa ... quando ne hai, at scrive atla bibia at zanJuan ca lè pusè longa de quela de queiolter 4 mesasema.

Vitamina ha detto...

Curioso anche qui il maiale , però nella zona di confine con voialtri, lo chiamano "nino". Quanto al ramo di zucca ieri sono uscita dal recinto e attaccata alla rete ho trovato la prima zucca , di quelle belle grigie fuori arancio dentro, buone ! Sempre lontano , al di là di qualcosa, le fanno. Vedrai che anche per te sarà così, in cima alla catena di pensieri lunga lunga ci troverai una sorpresa .

giardigno65 ha detto...

mai perdere un'anima da sedurre

Joe Black ha detto...

Soffio...non ho avuto modo di leggere il tuo post....ricambio la visita e, attento perché potresti ritrovarmi sempretraipiedi :)))))))
Buona giornata
Elisena

Gocce D'Aurora ha detto...

Ciao Soffio, passa da me che c'è un Pensiero per Te.