mercoledì 30 maggio 2012

CARI AMICI......AEMILIA FELIX é finita



Cari amici che avete scritto tanti commenti all'ultimo post.
Non vogliatemene se non rispondo a tutti come faccio di consueto, sono giorni troppo intensi.
L'altro giorno ero in studio con una persona davanti quando ha tirato la prima scossa e ho mandato a casa la persona che abita in zona epicentro e sono andato a vedere cosa accadeva al nipote a scuola.
Telefoni saltati, non l'ho trovato ma ero certo che ci avesse pensato mia figlia.
Quando alle 11 ci siamo ricongiunti lei, la figlia e il marito sono andati a vedere la casa in campagna e sono arrivati in tempo, alle 13, per vedere crollare il tetto e alcuni muri.
Io a quell'ora ero al parco con il piccolo, seduto in una panchina e pareva che due energumeni la scuotessero.
In quel momento ho pensato "la casa di campagna é andata giù" ma sapevo che i due non erano dentro, era impossibile che ci fossero.

Poi...tutto il resto, il ritorno in città, la paralisi di mia figlia che ho abbracciato a lungo perché tremava come una foglia, il non sapere se dormire nella casa di Modena o no.
I parchi che si riempivano di tende, il dormire in macchina come tutti nel condominio....dormire...si fa per dire.
E poi la sensazione che ogni leggero movimento anche se sei solo tu che ti muovi nel letto sia in realtà una nuova scossa.
Il senso di estraniamento che la gente ti comunica, la sensazione di camminare a volte sull'acqua, i giramenti di testa senza motivo.

In questi giorni ho cercato di fare il Pioppo, l'albero al quale si agganciava la vite per sostenerla, non so se ci sono riuscito, ma credo sì almeno in parte.

E poi cercheremo una roulotte per l'estate, perché in campagna bisogna starci comunque per lavoro.

in ogni caso il mito dell' "AEMILIA FELIX" é bruscamente finito.

31 commenti:

Vitamina ha detto...

Che tristezza sentire queste cose da una persona che conosco anche solo via Internet... Non so che dire oltre che vi abbraccio tutti anche se non vi ho mai visto.

cristiana2011 ha detto...

L'importante è che vi siate ritrovati e abbiate unito le forze, quelle del nucleo più importante per ognuno di noi.
Tu sei il Pioppo, senza dubbio, ma anche il 'soffio'.
Cristiana

Massimo Caccia ha detto...

Comprensibilissimo, quello che scrivi, caro Soffio! Speriamo sempre per il meglio.
Buona notte

Massimo Caccia ha detto...

Comprensibilissimo, quello che scrivi, caro Soffio! Speriamo sempre per il meglio.
Buona notte

Mary ha detto...

Dottore... mi dispiace tanto.
Ma l'Italia tutta è lì con Voi... solidale e in apprensione pur con la speranza che l'emergenza finisca presto e l'Emilia torni prospera e felice.
CON VOI...
Mary

Costantino ha detto...

Ma l'Emilia risorgerà!

chicchina ha detto...

Trovo tanto smarrimento e dolore nelle tue parole,ma poi penso a quel Pioppo che resiste,perchè sa di dover sostenere,aiutare,penso che la tua terra è ricca di Pioppi,penso che la voglia di rinascere di ricominciare avrà la meglio.
Non ho che parole da lasciare come segno di presenza e solidarietà.Un fraterno abbraccio.

Melinda ha detto...

Mi dispiace davvero tanto caro Soffio.
Vi abbraccio forte e vi sono vicina.

Lorenzo ha detto...

Io continuo a partecipare alla disgrazia in presa diretta, come si dice, dato che ogni singola scossa, anche quelle minori, arriva fino a qui e casa mia traballa, pur essendo 170km circa da Modena.

La cosa è snervante e immagino come ci ci senta a vivere nell'epicentro.

Loredana ha detto...

Spesso è difficile esserequello che deve essere forte e sostenere gli altri, sii forte e ottimista.
Un abbraccio
loredana

valerio ha detto...

Virtuale ma sincero , un ABBRACCIO !!!

Joe Black ha detto...

T'ho pensato doctor!

trillina ha detto...

Aemilia felix risorgerà! Pensa al Friuli, all'Umbria ... erano ridotte in macerie ed ora i loro borghi sono splendidi. Ci vorrà tempo, lavoro e coraggio, ma sono sicura che ce la farete. Tutti gli italiani vi sono vicini e il desiderio di tutti è che stiate bene subito. Vi abbraccio

lillina ha detto...

Un abbraccio.
Da me la terra inizia a tremare....

Titti ha detto...

Ti abbraccio con tutta la forza e delicatezza possibile.
Non so che altro potere fare.

Titti

Rita Baccaro ha detto...

Sono certa che l'emilia saprà riprendersi anche se non potrà mai dimenticare questa sofferenza. Deve essere terribile la continuità di questi fenomeni che fa salire l'ansia togliendo la sicurezza da sotto i piedi. La natura è benigna ma sa anche essere incredibilmente forte e noi rimaniamo impotenti dinanzi ad essa. La nostra forza può essere nella speranza e nel coraggio, nella fratellanza. nonostante le tue naturali paure, saprai ben essere pioppo per la tua famiglia e sappi che anche da tutto il resto d'Italia vi siamo vicini con affetto e solidarietà.
Un abbraccio a te ed alla tua famiglia così provata da questo terremoto, mi dispiace molto per tua figlia, aver visto la propria casa e tutti i propri sacrifici finire in polvere non deve essere stato facile. Provvedi tu ad abbracciarla e darle forza anche da parte mia.
ciao Doc

intherainbow ha detto...

Non ci sono parole consolatrici per tutto ciò!! Un mega abbraccio con la grande speranza che tutto finisca molto presto e la vita della gente emiliana possa tornare alla normalità!!!:))

gattarandagia ha detto...

vi abbraccio tutti.

valverde ha detto...

Carissimo Soffio ho letto , ho letto di tutti voi,dapprima con un sms a tua figlia, che il mio pensiero era subito corso a lei..e poi di voi qua sul tuo e sul suo blog.
Vi sono vicina... so cosa significa...a noi è venuto giù solo in parte il tetto del fienile (altro luogo ma le scosse là da me ci sono spesso, siamo zona sismica 9 in quel punto di romagna) ...ma era prevedibile e forse non c'entra neanche il terremoto (ci si sta spostando la collina )... Tanto la mia casa è inagibile da tempo e se mai ce la farò a finire il trasloco vivrò nella stalla.
Il vero problema è un altro..è rendersi conto (parlo di me) che non posso fare nulla, che non posso proteggerm, ne proteggere chi amo..e che mi sento ienrme e sola e ho paura! Che vergogna alla mia età...
e poi il pensiero va a chi ha perso tutto e non solo le cose materiali ma proprio gli affetti..e mi vergogno ancora di più.
Vi abbraccio , vi abbraccio virtualmente forte forte e vorrei poter essere accanto, ma se non fisicamente , vi giunga il mio pensiero, pieno di luce e amore.
Dai un bacione a tuo nipote,che non conosco ancora, e salutami tanto la tua splendida figlia , è al figlia che ho sempre desiderato avere...
ciao
rossella / valverde
p.s. il mio blog è ancora aperto , sul nuovo quando vorrai, potrai aaccedere, basterà scrivermi all'indirizzo che lascerò indicato sul vecchio con l'ultimo post...e abiliterò il tuo passaggio, grazie.

antonypoe ha detto...

dài, non dire così! è certamente un momento difficile. ma la vita continua e c'è di peggio. anche qui, dopo le scosse di gennaio, quasi tutte le chiese sono inagibili e il palazzo ducale è in parte inaccessibile. ciao e forza!

Il poeta sulle 23 ha detto...

In questi momenti che forse non sarebbe sbagliato definire di " horror vacui ", meglio tacere. A mister Soffio, mi permetto solo di dire: coraggio!!!

FrammentAria ha detto...

Abbraccio il Pioppo, ed è come se abbracciassi tutti.

Anonimo ha detto...

anche la mia è terra di terremoti. una cosa drammatica questa dell'Emilia, una terra così laboriosa e pacifica. spero che tu riesca ad organizzarti in qualche modo
Jonuzza

teoderica ha detto...

...sembra sciocco dirlo, ma passerà e si ricomincerà, lo si deve fare anche per chi non c'è più...ma sono solo parole vuote...resistete...non cedete.
Un abbraccio.

ivana ha detto...

Sono davvero dispiaciuta ,un abbraccio virtuale a tutta la famiglia,nipoti compresi.

Susanna ha detto...

Vorrei poterti dare un conforto maggiore che un banale abbraccio virtuale.

adriana ha detto...

che tristezza, non c'è conforto da poter offrire.

blandina (aracne) ha detto...

Abbiamo tutti bisogno di un pioppo nella nostra vita, soprattutto nei momenti difficili. Bella questa immagine di te che sostiene la famiglia.
Aemilia felix non è finita, ma temporaneamente sospesa.

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Soffio, tristezza-dolore-apprensione accompagnano i nostri giorni ma gli Emiliani sono persone forti, combattivi che non si scoraggiano ma sono sempre pronti a reagire e ricominciare
Speriamo in bene....

stella dell 'est ha detto...

Che tristezza,non possiamo fare nulla per evitare questi tragici eventi!!!Coraggio Soffio,ti ho pensato,avevo il PC in riparazione!

viola ha detto...

Caro Soffio, che dire? Credo sia una esperienza terribile e dire "fatti forza" pare stupido. Purtroppo il terremoto non è prevedibile e la terra trema quando vuole lei. Ti ho pensato. La cosa importante è che tu e la tua famiglia stiate bene. Il tetto poi si aggiusta...Più dura sarà far passare la paura. Un abbraccio forte forte.