domenica 15 gennaio 2012

Gentilissimo. Dr. Freud....... e poi, proprio lei Dr. Jung!!!

Gentilissimo Dr. Freud, da umile psicologo di provincia mi permetto di rivolgere a lei, vate della psicoanalisi, un sentito ringraziamento per come ho trascorso la mia domenica.
Già...senza le sue parole non me la sarei goduta così.
Devo confessarle Dr. Freud che da qualche tempo dormo meno, o meglio, mi sveglio prima la mattina, e la cosa che mi colpisce è che i vecchi lo dicevano e quindi io potevo già saperlo, ma come lei ci ha insegnato con belle parole i giovani se ne fregano degli insegnamenti dei vecchi fino a quando non tocca a loro.
Il fatto é che come lei ci ha acclarato con il concetto di Thanatos, il mito greco che impersonifica la morte, la notte é un pò una morte e quindi io quando mi sveglio prima mi alzo per sfuggire al mito.
E dal momento che devo dare spazio all'Eros per contrastare il Thanatos, questa mattina alle 7 sono uscito di casa, ho comprato i giornali e sono andato al bar a cazzeggiare con due amici dando spazio al "bambino libero" che alberga nelle parti basse della psiche come appunto lei ci ha detto.
Però, in tutte le cose ci può essere un però, a quel punto mi sono fatto catturare dall'Edipo, il famoso concetto che lei brillantemente ci ha illustrato e che così facilmente incontriamo e al quale diamo volentieri spazio.
Vuol sapere come ho fatto alle 7 di mattina??? ho comprato la brioche per mia figlia, quella integrale al miele che le piace molto e l'ho anche portata a casa sua, così impara che il suo papi é ancora un pò edipico anche se lei ha sposato quel tale che certo non le porta la brioche la mattina.
Il suo papi sì che le porta la brioche.
Poi però mi sono anche ricordato che l'adulto, destreggiandosi tra la parte superegioca e l'es, deve pur tenere comportamenti appunto adulti, e in questo ci stà anche il fatto che sono sposato.
Vorrà lasciare anche a me un pizzico di narcisismo??
E, caro Dr. Freud non mi venga a parlare di sesso, so bene che in un saggio del 1910 lei ci ha detto che alcuni uomini compiono una divisione della loro vita sessuale provando per la loro moglie un sentimento di rispetto e tenerezza che non sfocia però nella passione sessuale.
Tuttavia Dr. Feud le ricordo che ormai mi avvicino a 38 anni di matrimonio, e se la mattina alle 7 avessi delle richieste verso la moglie forse mi morderebbe un orecchio, quindi una brioche anche a lei, sempre integrale al miele.
Un pò di confusione?? avrei dovuto diversificare o rendermi conto della commistione moglie figlia con conseguente paura della castrazione o del fantasma dell'incesto? e tutto per una brioche?? ma a lei piace quella.
In fondo si fa bella figura con poco, vebbé il sesso, ma ormai alla mia età..con calma.
Ma lei alle mia età esercitava ancora la passione??.
Oggi pomeriggio poi mi sono beato di una fase regressiva con il mio figliolo edipico, ovvero mio nipote.
Siamo andati al cinema a vedere "il figlio di Babbo Natale" e mi sono pure divertito.
Questa sera un buon libro, un affettuoso bacetto alla moglie e via...domani é lunedì.
Capisco...me ne sono fregato di interrogarmi sulla quantità di nozioni che ho gestito così in modo naif, però le sono grato Dr. Freud, senza il suo insegnamento mi sarebbe sembrata una domenica normale.

Quanto a lei Dr. jung.....lei sa che cerco di utilizzare le categorie del suo pensiero, però, a proposito di film, lei sa che le hanno già dedicato ben due film sulla sua storia con la Spilrein???
Un uomo come lei!!! e poi ci ha anche tratto il concetto di "anima" ma noi poveri psicologi di provincia non possiamo neppure permetterci una Spilrein d'occasione pena l'espulsione dall'ordine e una figuraccia tremenda con i colleghi
Poteva almeno non tenere la teorizzazione solo per lei, lasciarci un pò di mano libera!!

25 commenti:

Melinda ha detto...

Quanto mi sono divertita a leggerti Soffio!
Sei geniale!

teoderica ha detto...

Tutto quello che ho capito è che io amo la morte, perchè dormirei sempre e la mattina faccio sforzi enormi per alzarmi , ma ora soffro d' insonnia e mi pare di essere più vicina alla morte proprio con la veglia, Freud si è sbagliato è il sogno la morte e non il sonno.
Oh la bambina che è in me ha detto così.
E poi preferisco Jung.
Perchè poi c'è anche Lacan e quello bene che è particolare.
Ciao Soffio, le tue donne sono fortunate con te, uomo d' altri tempi.

Giovanna ha detto...

post fantastico

Mary ha detto...

Dottore... vien voglia di farsi psicoanalizzare da Te... basterebbe solo starti a sentire!
Sei grande... Soffio!
E anche buon marito e grande "papi"... Lo sanno questo le Tue donne?
Un abbraccio da un'amica che volentieri Ti farebbe da "paziente virtuale".
Mary

♥Celyne Glam♥ ha detto...

interessante.

www.psicologicamenteinrete.blogspot.com

Ambra ha detto...

Sei pieno di fantasia e autoironia, che è la qualità più difficile da trovare in giro. E anche godi di una certa irriverenza nei confrotni dei tuoi Maestri.
Mi sono divertita un sacco, grazie a te, mio caro ανεμος.

adriana ha detto...

Molto divertente la tua domenica e fortunate le tue donne.

stella dell 'est ha detto...

Che bel post divertente Soffio!!!Invidio le tue donne per le attenzioni che rivolgi loro.Buona serata dottore.

zloris ha detto...

Dr. Soffio... sogni d'oro....

aracne ha detto...

Una delizia questo post, divertente ed anche istruttivo.
Ma nel saggio del 1910 il Dottor Freud ha indicato come si sentissero le mogli di quegli uomini che avevano fatto la divisione (e che magari la passione andavano a soddisfarla altrove)?

trillina ha detto...

Bella domenica, vissuta con il giusto gusto per la vita, leggermente irriverente ed ironico.

Tiziana Bergantin ha detto...

Freud o Jung... roba per voi analisti. I tuoi racconti mi lasciano sempre qualcosa di buono, e il risultato è una piacevole chiacchierata con un amico, con una buona tazza di cioccolata calda e una brioche (con marmellata). Ciao

Vitamina ha detto...

Lo voglio far leggere a mio marito , che ha letto tanto FReud e Jung e a volte esagera , così capisce che anche i professionisti lo fanno , qualche volta, per scherzo.

rossorosso ha detto...

Carissimo Soffio, il tuo post mi ha messo proprio di buonumore e, considerando il fatto che è "solo" lunedì, ti assicuro che è un risultato insperato. Altro che Freud o Jung, W Mr. Soffio, sei tu il mio analista preferito. Baci e alla prossima.

Dona Flor ha detto...

Finalmente un Dottore che non mi fa paura!!!
Leggerti è puro divertimento!
Buona giornata!

Lorenzo ha detto...

Direi che siamo di fronte al paradosso del dottore che ha bisogno del dottore. :)

valerio ha detto...

Grande !!!

Adriano Maini ha detto...

Smitizzare! Giustissimo! Smitizziamo!

alessandra ha detto...

Che terapeuta dall'intelligenza vivace e acuta e dal forte senso critico ed ironico! Sei capace di trasformare esigni studi in materia di psicanalisi quasi facendoci delle caricature arrivando a ridere di te stesso.
Stamatti na per prima cosa dopo il mio blog ho aperto il tuo per poter avere una boccata di ossigeno per la mente ed una botta di buon uomore di mattina presto, anche se avrei voluto una briosch.
ps. sono una coasì brava ricercatrice che non ho più provato il post sulle pere, tanto da parlarne sul post dei comunisti, non sai che ministro della confusione sia io!
Ciao

economistapercaso ha detto...

è fantastica, la lettura freudiana della routine domenicale!!!

pierangela ha detto...

Buona sera dott "soffio" post fantastico

@enio ha detto...

e si il Dr Freud non ha conosciuto mia moglie altrimenti si sarebbe risparmiato le sue cazzate... a 64 anni arde di passione e spesso sono io a dovermi sottrarre con delle scuse banali...

Onlypatty ha detto...

Ah ah! Dunque va bene, mano libera all'auto gestione, ma solo se Naif come quella che proponi, cioè interpretazione del reale fantasiosa, allegra e colorata... Me gusta!
Credo che il canale comico-ironico sia indovinatissimo per far digerire qualunque teoria a noi profani della psicologia: da bravo psicologo ci sei arrivato prima di noi, e noi te ne siam grati.
Ciao golosone!

mammaMarina ha detto...

Sei eccezionale!!! I tuoi pazienti con te sicuramente si rilassano, tornano ad amare la vita, ad affrontarla con la giusta ironia a sorridere....Sei eccezionale!!!

Anonimo ha detto...

ma quante erano le brioche?